Mangiarsi le unghie: ecco cosa succede al tuo corpo ogni volta che lo fai

onicofagia

Mangiarsi le unghie: ecco cosa succede al tuo corpo ogni volta che lo fai.

Se qualcuno all’improvviso ti parlasse di “onicofagia”, è probabile che faresti una faccia strana. Ma se la stessa persona ti parlasse di “mordersi le unghie”, beh, capiresti in un baleno di che si tratta.

Onicofagia è la parola colta (derivata dal solito inevitabile greco antico) che vuol dire mordersi le unghie.

Questa abitudine compulsiva a lungo andare può produrre tutta una serie di problemi, alcuni anche abbastanza seri: problemi ai denti, deformazioni della cuticola, infezioni, verruche e tutta una serie di alterazioni della pelle. In casi estremi può anche condurre alla perdita delle unghie.

Si tratta di un comportamento compulsivo che tende a essere frequente negli adolescenti e a sparire quando si raggiunge l’età adulta. Via via che si cresce l’onicofagia può essere sostituita dal mordere la penna biro, fumare, attorcigliarsi i capelli. La maggior parte delle persone che soffrono di questa compulsione spiegano che non possono farci nulla e che nella maggior parte dei casi non si rendono conto di farlo.

Si tratta di un disturbo che rientra nella categoria dei comportamenti ossessivo-compulsivi.

Mangiarsi le unghie: ecco cosa succede al tuo corpo ogni volta che lo fai

L’onicofagia può dipendere da varie cause:

Uno. Stress. Molte persone si mordono le unghie se sono poste di fronte a un concreta situazione di stress, come può essere un esame, una riunione o altri eventi ansiogeni.

Due. Timidezza e bassa autostima. Frustrazione, rabbia, perfezionismo: tutte queste situazioni possono generare l’esigenza di calmarsi con questo comportamento ossessivo.

LEGGI ANCHE:  10 idee per questi giorni di domiciliari forzati: la bellezza vincerà!

Tre. Paura.

Di fronte a tutte queste situazioni mordersi le unghie ha un effetto calmante, il che a lungo andare fa diventare l’onicofagia un riflesso condizionato.

L’onicofagia può provocare danni ad almeno tre livelli

A livello fisico, per via del sanguinamento, delle infezioni e dell’eventuale deformazione di dita e denti. A livello emotivo, perché genera frustrazione allorché ci si rende conto di non riuscire a controllare il riflesso a mordersi le unghie. A livello sociale, perché unghie smangiucchiate possono dare un’immagine non esattamente positiva della persona.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...