Non è il freddo che fa ammalare i tuoi bambini, ma i luoghi chiusi e affollati, lascia che giochino all’aperto

Non è il freddo che fa ammalare, ma i luoghi chiusi e affollati

Quando arriva la brutta stagione i genitori hanno la tendenza a far stare i bambini per la maggior parte del tempo dentro casa, per paura che si prendano le solite malattie di stagione: raffreddore, febbre, influenza.

In realtà non è lo stare all’aria aperta che favorisce il diffondersi di questi malanni, ma piuttosto lo stare in luoghi chiusi e e troppo caldi.

Gli esperti sanno che i posti chiusi e con poca aerazione (per esempio le carrozze della metro oppure le aule scolastiche) sono proprio quelli preferiti dai batteri: questo perché in quel microclima trovano l’ambiente ideale per moltiplicarsi e fare danni.

Non è il freddo che fa ammalare, ma i luoghi chiusi e affollati

Quindi i bambini è meglio lasciarli andare fuori, d’inverno. Il che però non vuol dire che non si debbano munire di sciarpe e berretti di lana.

Il freddo infatti può interferire con le cellule cigliate della trachea, che hanno il compito di eliminare polvere e corpi estranei.

Quindi indossare abiti più pesanti e proteggere le vie aeree con delle sciarpe è buona cosa, ma senza esagerare.

E comunque, come s’è detto sopra, la cosa peggiore è costringere i bambini dentro quattro mura, con poco ricambio d’aria e magari troppo calore dai termosifoni.

Un ambiente troppo caldo favorisce il proliferare dei batteri e poi lo shock tra la temperatura interna e quella esterna può favorire le infreddature e anche l’influenza.

Tenere il riscaldamento sui diciotto gradi fa bene non solo al portafogli, ma anche alla salute.

Un modo ottimo per proteggere i bambini nelle loro escursioni fuori casa, durante la stagione più fredda, è inoltre quello di vestirli “a cipolla”, ovvero a strati. Maglia della salute, camicia, maglione e spolverino antivento andranno benissimo.

LEGGI ANCHE:  Come avere addominali scolpiti in 4 semplici step

Come detto sopra, il segreto è non esagerare. Non a caso, i bambini che abitano in campagna e che quindi passano più tempo all’aria aperta, si ammalano meno dei loro “colleghi” di città.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...