Tutto quello che non sai sulla MARGARINA e sul BURRO.

Quando sei nel reparto lattiero-caseario nel supermercato, quasi mai i prodotti a base di burro sono commercializzati come “sani”.
Alcuni tipi di margarina sono così simile al burro che può essere difficile notare la differenza. Ma non lasciatevi ingannare dall’odore di burro e dal colore. La margarina non è altro che un prodotto ottenuto da processi di idrogenazione prodotta in alternativa al burro in quanto è molto più economica e si conserva per più tempo senza irrancidire. Infatti possiamo vedere dall’immagine riportata in basso come la margarina rimane perfettamente uguale e tiene lontano le formiche e il burro invece prodotto naturale viene invaso dalle formiche.

butter
I grassi trans contenuti nella margarina di certo non giovano per la nostra salute, infatti negli ultimi anni gli studi hanno dimostrato che i grassi trans si comportano in modo diverso nel corpo rispetto ai grassi saturi e insaturi.
I grassi sono fondamentali per la corretta funzionalità del nostro cervello, e gli acidi grassi essenziali come omega 3 e 6 sono necessari in questo.
I grassi trans agiscono nel nostro corpo in modo diverso, la loro struttura molecolare è diversa, e non sono in grado di fornire alcun aiuto al nostro corpo al contrario dei grassi naturali. Uno studio (Dalainas & Ioannou, 2008) ha mostrato un aumento del 23% del rischio di essere colpiti da malattia coronarica e un piccolo aumento del solo 2% di energia tratta dai grassi trans.
Il burro ha sempre avuto una cattiva reputazione dal 1950, è sempre stato visto come un male per la salute del cuore. Gli studi che affermavano ciò sono stati successivamente screditati. Il mondo è stato erroneamente informato, una dieta ricca di grassi non è legata a un maggior rischio di malattie cardiache come si pensava qualche decennio fa, ma l’alto consumo di cibi raffinati e contenente zucchero porta ad un maggio rischio di queste patologie.

LEGGI ANCHE:  Autismo: sintomi, cause scatenanti e cura

Biologa Nutrizionista: Maria Leonardi

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...