Verdure surgelate o verdure fresche? Ecco i risultati di alcune ricerche!

verdure surgelate o verdure fresche verdure

Verdure surgelate o verdure fresche? Scopri la differenza

Ma le verdure surgelate sono nutrienti alla stessa maniera di quelle fresche? Forse la domanda ve la siete fatta anche voi, qualche volta. Le verdure surgelate sono comode, su questo non ci piove, ma il dubbio sulla loro salubrità è più che legittimo. Sono sane? Mantengono tutte le caratteristiche della verdura fresca?

verdure surgelate o verdure fresche AdobeStock 97524140

Se leggerete qui di seguito, avrete qualche prima risposta a queste importanti domande.

I vantaggi delle verdure surgelate sono presto detti: sono pratiche (niente lavaggio e/o pelatura), non costano troppo, durano molto a lungo, le puoi comprare tutto l’anno.

Un dubbio più che legittimo, però, è quello sul loro valore nutrizionale. A questo riguardo alcuni studi offrono interessanti occasioni di riflessione: con riferimento, in particolare, al loro contenuto di sali minerali, antiossidanti e vitamine.

Le verdure surgelate dal punto di vista nutrizionale

Le verdure che finiscono nella confezione che tirate fuori dal banco frigo del supermercato di solito vengono congelate subito dopo la raccolta e proprio per questo conservano abbastanza bene la maggior parte delle sostanze nutritive.

Una ricerca nostrana di qualche tempo fa ha messo in rilievo che se si sbollentano le verdure e poi le si surgelano per massimo due mesi, non c’è una perdita significativa di qualità nutritive.

verdure surgelate o verdure fresche AdobeStock 56638803

Altre ricerche però sembrano suggerire conclusioni diverse, anche a seconda del tipo di ortaggio. Uno studio del 2015, per esempio, ha trovato che i broccoli congelati sono più ricchi di riboflavina rispetto a quelli freschi, laddove i piselli congelati ne conterrebbero invece di meno.

La stessa indagine, poi, ha messo in rilievo che piselli, carote e spinaci surgelati avrebbero un contenuto più basso di beta-carotene (in confronto alle verdure fresche), mentre nel caso degli spinaci e dei fagiolini non si è trovato nessuna differenza di qualche rilievo.

LEGGI ANCHE:  Gambe lisce davvero anche con il rasoio. Ecco i trucchi da non perdere!

Il cavolo surgelato

Secondo un’altra ricerca, il cavolo surgelato (crudo) contiene più antiossidanti del cavolo fresco, sicché si potrebbe pensare che il processo di surgelazione possa addirittura aumentare la quantità di antiossidanti nelle verdure.

La vitamina C

Diverso è il caso, però, della vitamina C. Un paper del Journal of the Science of Food and Agriculture stima infatti che il contenuto di questa vitamina possa calare dal 10 all’ottanta per cento durante lo sbollentamento e successivo congelamento. La perdita di sostanze nutritive sarebbe in media del cinquanta per cento.

Le etichette

Se vogliamo evitare additivi e/o conservanti, è bene leggere bene l’etichetta. Di solito nelle confezioni di verdure surgelate non ce ne sono, ma è sempre bene leggere prima.

Va detto, poi, che se anche non contengono conservanti o additivi, qualche volta le verdure sono accompagnate da zucchero e sale aggiunti: anche questo è un elemento di cui far conto.

Resta inteso, infine, che le verdure fresche sono certamente la scelta migliore, ma se proprio non vi va di mangiarle o non ne avete la possibilità, ben vengano quelle surgelate.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...