Tracce di idrocarburi nelle merendine: la denuncia del Salvagente

Tracce di idrocarburi nelle merendine: la denuncia del Salvagente.

La rivista online a tutela dei consumatori Il Salvagente denuncia che in 20 snack su 29 sottoposti a test i suoi tecnici hanno rilevato tracce di “idrocarburi degli oli minerali”, in generale conosciuti con le sigle Mosh (Mineral oil hydrocarbons) e Moah (mineral oil aromatic hydrocarbons).

In particolare, la rivista fa sapere che nelle merendine sottoposte alla prova non sono state trovate tracce di Moah, ma se ne sono state trovate di Mosh. Più precisamente, in 20 su 29 sono state trovate tracce che vanno da 0,50 a 129 milligrammi per chilo.

Il bello, come nota la rivista on line, è che a oggi non c’è una regolamentazione europea che fissi dei limiti alla presenza di queste sostanze negli alimenti.

Le uniche indicazioni che si possono trovare in giro provengono dalla Autorità tedesca di controllo alimentare degli Stati federali, secondo la quale i Mosh non dovrebbero superare i 9 milligrammi per chilo, e dalla sua omologa del Belgio.

Tutte e due le agenzie sottolineano che i due idrocarburi degli oli minerali di cui parliamo non dovrebbero essere mai presenti negli alimenti destinati ai bambini.

Certo, a stretto rigore, le merendine non sono prodotti destinati esclusivamente ai bambini, ma è un fatto che a consumarle nella stragrande maggioranza dei casi sono proprio i più piccoli.

Tracce di idrocarburi nelle merendine: la denuncia del Salvagente

Il Salvagente fornisce ovviamente anche l’elenco delle merendine sottoposte ad analisi. Si tratta delle seguenti marche: Bounty, Esselunga CheJpy, Ferrero Duplo Nocciolato, Kellogg’s Coco Pops, Kinder Bueno, Kinder Cards, Kinder cereal, Kinder fetta al latte, Kinder fetta allo yogurt, Kinder Maxi, Kinder Maxi King, Kinder Pinguì, Kinder Sorpresa, Kit Kat, Loacker choco&milk cereals, Milbona snack al latte (Lidl), Milk snack al cacao (Todis), Milk snack con cacao Europin, Nesquik snack cacao, Nestlè Nesquik maxi choco, Nutella B-ready, Oreo Original, Oro Ciock Super Heroes, Pavesi Ringo Goal , Pavesi Ringo sbagliato, Pavesi Ringo Vaniglia, Perugina Lingotto, Plasmon merendina al latte, Twix.

LEGGI ANCHE:  Peli incarniti nella zona bikini? Tutti i rimedi naturali per eliminarli

Rischi per la salute?

Su quali siano i rischi per la salute che possono derivare dall’ingestione di queste sostanze, non ci sono certezze.

L’Efsa, Autorità europea per la sicurezza alimentare, e l’Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BfR), affermano che Mosh e Moah hanno un differente potenziale tossicologico.

I primi sono facilmente assimilabili dall’organismo e possono accumularsi nei tessuti adiposi: in esperimenti condotti su topi da laboratorio s’è visto che possono danneggiare alcuni organi.

Quanto ai Moah, invece, questi dovrebbero essere assolutamente evitati.

Va notato, infine, che a tutt’oggi non ci sono state iniziative legislative che prevedano limiti stringenti alla presenza di questi oli.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...